In molti dei nostri progetti ci avvaliamo di questionari (strutturati e/o semi strutturati) da sottoporre a target specifici della popolazione. A volte i questionari devono essere somministrati di persona, in modalità face to face, ed allora diventa fondamentale il ruolo svolto dai nostri intervistatori su campo.

 

Il lavoro dell’intervistatore, troppo spesso svalutato e poco conosciuto, richiede invece una grande professionalità e consapevolezza per essere svolto e noi di Quaeris ne siamo consapevoli.

Di seguito presentiamo un agile vademecum introduttivo:

Il ruolo dell’intervistatore face to face nella fase della ricerca

L’intervistatore costituisce un tassello fondamentale nella fase della ricerca; è colui che raccoglie i dati e le informazioni su campo che poi verranno elaborate. Più i dati sono accurati e completi, più le fasi successive di controllo, elaborazione e interpretazione saranno affidabili e coerenti. Utilizzando la metafora della torta riferita alla ricerca di mercato, possiamo dire che più buoni sono gli ingredienti migliore sarà il risultato. In questo caso gli ingredienti di base sono i dati raccolti dal nostro team di intervistatori.

Caratteristiche dell’intervistatore face to face

  • Avere ottime capacità relazionali, educazione e cortesia in primis
  • Avere una buona/ottima capacità lessicale in italiano e quando richiesto anche in altre lingue
  • Essere il più oggettivo possibile, evitando atteggiamenti valutativi nelle fasi di formulazione delle domande e di ascolto delle risposte. Non si deve esprimere i propri pareri ma assumere un atteggiamento neutrale. Non stiamo vendendo un prodotto, stiamo raccogliendo dei dati.
  • Avere un atteggiamento curioso e interessato a capire l’opinione dei propri interlocutori. Il pensiero di base dovrebbe essere: sono qui per ascoltare la tua opinione su questo tema e registrare tutte le informazioni che mi puoi dare.
  • Saper e/o imparare ad accettare i NO come parte dell’attività. Non percepire i rifiuti come un affronto personale, ma come dati della ricerca: anche i no sono un indice ai fini statistici.
  • Essere una persona organizzata. È necessario saper organizzare i propri tempi, in accordo con il Project Manager, per poter concludere l’indagine correttamente e nei tempi richiesti.
  • Conoscenze tecniche base di utilizzo di telefonini e/o tablet, che serviranno per somministrare i questionari attraverso App dedicate.

 

Regole da seguire per una intervista professionale:

  • Leggere le domande così come sono formulate, mantenendosi rigorosi nel seguire il testo
  • Se ci sono scale di valutazione, ripeterle più volte all’intervistato. Bisogna essere certi che sia chiaro il punteggio da assegnare, “Repetita iuvant!”
  • Se una domanda non viene capita, ripeterla più lentamente e in modo chiaro. Se alcuni termini non vengono capiti, ci sarà sempre un sinonimo o una spiegazione formulata ad hoc in fase di progettazione per ottemperare a questo.
  • Se di fronte ad una scala numerica (ad esempio soddisfazione da 1 a 10) l’intervistato non risponde con un numero (ad esempio si dice molto soddisfatto), è necessario riportare la sua attenzione alla scala di valutazione e ottenere un numero, sempre per evitare interpretazioni errate.
  • Mai far leggere il questionario direttamente all’intervistato, siamo noi che conduciamo l’intervista, siamo noi che facciamo le domande.
  • Per tutti i dubbi che possano emergere fare sempre riferimento al Field Manager

 

La formazione degli intervistatori:

Briefing:

Ogni intervistatore selezionato per la ricerca riceve un briefing approfondito personale da remoto (call o video call). Questo è il momento in cui vengono affrontati, dubbi e perplessità e vengono date le indicazioni su come eseguire correttamente l’indagine.

Pre – test: nel corso del briefing è prevista una prova test, una vera e propria simulazione di intervista con il Project Manager, nel corso della quale sarà istruito su come procedere praticamente per realizzare un’intervista professionale.

Interviste CAPI: le interviste non vengono fatte su carta. Per questo ci sarà una fase tecnica di spiegazione su come utilizzare la app da scaricare sul proprio dispositivo.

Altre ed Eventuali: durante tutta la fase di ricerca il Project Manager sarà sempre a disposizione per risolvere, dubbi, richieste e perplessità che potrebbero sorgere durante le interviste su campo.

Monitoraggio su campo: È previsto un monitoraggio costante per assicurare la corretta riuscita dell’indagine.

 

 

Questo schema può riassumere bene le caratteristiche di comportamento da adottare per eseguire l’intervista in maniera professionale.

 

 

Il comportamento dell’intervistatore nell’intervista strutturata

 

COMPORTAMENTI DA ADOTTARE COMPORTAMENTI DA EVITARE

Instaurare rapporti

cortesi e gradevoli

Assumere atteggiamenti valutativi
Mantenere posizioni di neutralità Assumere atteggiamenti promozionali o di vendita
Mantenere l’ordine delle domande e la formulazione prevista Dare indicazioni sulle proprie aspettative
Contattare immediatamente il Project Manager in caso di necessità Gestire il questionario in modo creativo
Essere consapevoli che si è Ambassador dell’azienda e quindi presentarsi adeguatamente Far leggere il questionario direttamente all’intervistato

 

 Se sei interessato a lavorare come intervistatore face to face